1 minuto

Il mondo della sanità e della tecnologia non sono mai stati più vicini, grazie ad IBM.
Azienda statunitense, nota anche per il suo soprannome di “Big Blue”, è una delle maggiori aziende del settore informatico.
Visto un passato (ed un presente) come produttrice, commerciante di hardware e software, servizi di hosting e consulenze in vasti rami dell’alta tecnologia, ha stipulato un contratto da 2.6 miliardi di dollari.
Tra i trends di google, non si fa che parlare d’altro.

Dopo le numerose invenzioni, dal bancomat al floppy disk, dalle schede madri al codice a barre, dalla carta a banda magnetica all’intelligenza artificiale, oggi è pronta a salpare per una nuova avventura.

IBM ha acquistato “Truven Health Analytics”, la nota multinazionale americana che si occupa della salute dei propri pazienti: la compagnia ha circa 215 milioni di profili di pazienti, il suo scopo è quello di trovare soluzioni utili ai vari operatori sanitari e migliorare le cure dei pazienti che hanno delle malattie.

Proprio oggi, giovedì 18 febbraio, IBM ha scialacquato ben 2.6 miliardi di dollari ed incrementando il programma “IBM Watson Health” al fine di trovare le migliori soluzioni sanitarie, qualitativamente ed economicamente parlando.
IBM Watson Health avrà accesso a oltre 300 milioni di insiemi di dati dei vari pazienti; da Truven vengono gestiti più di 8.500 consumatori, tra cui ospedali, agenzie governative, assicuratori che utilizzano i dati forniti per fare analisi e statistiche legate al mondo della sanità.
Sarà un bell’affare per IBM che prospetta un buon futuro di progresso in questo campo.

A Wall Street IBM guadagna ben 5 punti percentuali”.

Previous post

Flixbus ft. Megabus: un'alternativa economica per vacanze e tasche

Next post

LG, il nuovo G5 con qualità audio firmata B&O

Greta Cavedon

Greta Cavedon

Hola!
Sono Greta, autrice di Squerz! Tutto quel che vedrete qui dentro beh.. È frutto di taaanta passione, voglia di fare ed un pizzico di follia!