4 minuti

L’altro giorno mi sono imbattuta nel Play Store per scaricare qualcosa ma, non appena entrata, Slowly App ha attirato la mia attenzione (sì, certo dopo Galeazzi Soundboard).

La chiamerò Slowly App, affinché sia più chiaro (anche se “Slowly” da solo, fa intendere molto).

Partiamo dal presupposto che sono una romanticona e mi piacciono le cose retrò, ormai lo saprete ben meglio di me. Avevo persino iniziato con la filatelia ma poi ho capito che non faceva per me, ma non rinuncio a collezionare tutte le cartoline che arrivano a casa (anche se non sono indirizzate alla sottoscritta)!
Proprio per questo motivo, Slowly mi ha entusiasmata e così ve ne parlo.

Cos’è Slowly App?

Slowly è un’applicazione, disponibile su App Store e Play Store, che permette di inviare lettere digitali a tutti gli utenti della community, che si trovano in ogni angolo del mondo.
Queste lettere digitali vengono inviate gratis ma hanno una particolarità; non sono immediate, come se fosse una chat, c’è da aspettare un tot di tempo, che dipende dalla distanza del mittente/destinatario, per ottenere una risposta o affinché la lettera venga ricevuta.

Ogni utente registrato a Slowly può selezionare un avatar, ossia “un’icona” che più lo rappresenta, e non un’immagine profilo come nelle classiche chat o social network.

Inviando lettere al mondo, si collezionano anche francobolli digitali!

slowly app

Come nasce Slowly?

Avevo un paio di amici di penna quando ero giovane. Ho dimenticato ciò che abbiamo condiviso nelle lettere ed il loro nome… Ma ciò che mi è rimasto impresso è la sensazione di anticipazione e l’ignoto.

Slowly nasce dalla casa di Kevin Wong, di Hong Kong, come progetto solista, grazie anche all’aiuto di qualche amico, con la voglia di rivivere il passato e la gioia di ricevere lettere.

Kevin racconta di aver fondato un’agenzia di digital media design circa otto anni fa, la quale ha continuato a funzionare fino all’inizio del 2017.
Dopo aver terminato quella carriera, nell’arco di quattro mesi, è riuscito a sviluppare l’idea di Slowly e si è messo a progettarla.

Slowly sorge dal concetto di ciò che manca nella vita quotidiana dei giorni nostri; secondo Kevin, Hong Kong è una città molto frenetica, dove la vita scorre alla velocità della luce ed è sempre più difficile essere pazienti, e tutto ciò che manca è trovare un po’ di tempo per rilassarsi.


L’avvento degli smartphone ha portato una ventata d’aria di comodità talmente grande da sopraffare la bellezza dell’attesa.

Nonostante sia obsoleto inviare lettere, il messaggio di Kevin è di incoraggiare le persone a prendere la loro penna prediletta e scrivere qualcosa; non necessariamente devono essere lettere cartacee ma, grazie a Slowly, possono essere lettere digitali.
Kevin racconta che l’attesa stessa che intercorre tra l’invio di una lettera e la ricezione della risposta, genera emozione, più che il contenuto della lettera in sé.

Perché dovrei scegliere di scaricare Slowly?

Ricordo che una volta il mio amico (che è un ragazzo) ha condiviso con noi quanto fosse eccitato di incontrare questa “infermiera” nell’app. Uno dei nostri amici ha semplicemente risposto “c’è un’alta probabilità che questa infermiera sia in realtà un uomo più grande di te nella vita reale” e siamo tutti scoppiati in una risata.

Come già raccontato, Slowly è originale perché punta su due aspetti chiave: l’attesa e l’ignoto.

Grazie alla scelta personale di un “nome di penna” ed un avatar, ciascun utente sarà libero di scegliere se rivelare o meno la sua identità agli “amici di penna”, con i quali potrà condividere lettere, completamente private, dove poter raccontare ciò che ci si sente di raccontare ad un perfetto sconosciuto.


A mio avviso, la bellezza ed il punto di forza di Slowly è proprio questo: quotidianamente siamo sommersi dalla superficialità che ci circonda oltre che dall’apparenza.

Con Slowly non ci si basa sull’aspetto esteriore di una persona, dai modi di fare o dai gusti, ma vengono prese in considerazioni le parole ed il pensiero di ciascun interlocutore.

Inoltre, l’attesa: spesso, ciò che si vuol comunicare e ciò che accade nel quotidiano, viaggia a ritmi spaventosi ed a volte scappa di dare poco peso alle parole, sia dette che ricevute, o non ci si pensa troppo a quel che si legge “real time” nelle chat, il che porta a far perdere di significato quanto comunicato.


La comunicazione adottata su Slowly è di tipo one-to-one ed è completamente anonima, basta una semplice e-mail per la registrazione e non serve verificare l’identità né la data di nascita o altro.

Chiaramente, non sapendo se ci si trova davanti a chi ci si aspetta, è ovviamente sottinteso proteggere al meglio i propri dati.

Come si evolverà Slowly?

Kevin racconta che il suo obiettivo non è certo quello di far diventare Slowly un’applicazione “mainstream”, ossia tradizionale e modaiola, nonostante fosse convenzionale, al tempo, inviare lettere fra amici.

Quando l’applicazione sarà più stabile, probabilmente verranno introdotti degli acquisti, come francobolli in edizione limitata, avatar particolari e decorazioni varie, di modo da mantenerla attiva. Nonostante ciò, le funzionalità basic rimarranno sempre gratuite.


La mia prova su Slowly!

Appena ho letto la prima recensione sul Play Store, che diceva “Ti permette di entrare in contatto con persone di tutto il mondo come se scrivessimo veramente una lettera!”, non ci ho pensato un attimo di più e l’ho installata.

L’applicazione, a primo impatto, è semplice, intuitiva e pulita.
Nonostante abbia qualcosa da migliorare in quanto fluidità, specie all’avvio, le ho dato una chance ed ho cominciato a riempire il mio profilo.

Slowly ti “matcha” e ti trova persone affini, principalmente in base alla lingua parlata e agli interessi in comune.
Sì, una volta registrati, potremo scegliere i nostri interessi, da una lista, i quali saranno utili per trovare persone simili a noi, con i quali disquisire sull’ultima versione di Java piuttosto che l’ultimo album Disco uscito, una serie TV nota o come fare i cupcake al cioccolato! Ci sono moltissimi topics in merito.

Una volta completato il profilo, potremo effettuare noi una ricerca e scegliere a chi inviare lettere; ci sono dei filtri: “Regione”, “Lingua”, “Interessi”, “Età”, “Segno Zodiacale” e “Genere”. Inoltre potremo selezionare solamente persone connesse nell’arco delle ultime 24 ore o che hanno una breve introduzione biografica.

Slowly app

A sinistra la sezione “Matches”, dove trovare una lista di persone con interessi affini o filtrati. A destra le impostazioni con i filtri.

Se i nostri interlocutori risponderanno alle nostre lettere o se qualcuno vorrà scriverci una lettera, troveremo tutte le informazioni nella schermata principale.

Questa schermata ci mostrerà le ultime lettere ricevute e se qualcuno ce ne sta mandando una, indicandoci pressapochisticamente la posizione da dove arriva ed il tempo rimanente prima di riceverla.

Se i nostri amici di penna accettano la condivisione, sarà possibile inoltrare loro delle foto!

Slowly app

A sinistra, la mappa con le lettere in arrivo ed il tempo rimanente. Al centro, le lettere ricevute. A destra, le impostazioni del proprio profilo!

Spero Slowly vi piaccia almeno quanto sta piacendo a me e mi auguro cresca, migliorando l’ottimizzazione e la fluidità.
Oltre a ciò, sarebbe bello se introducesse la ricerca mediante “nome di penna”.
Per il resto, a me piace molto l’idea. L’applicazione funziona ed io la voglio premiare!

Ci leggiamo su Slowly!

Slowly App

0€
8.7

Idea

10.0/10

Design

9.5/10

Funzionalità

9.5/10

Ottimizzazione e Fluidità

7.0/10

Affidabilità

7.5/10

Pros

  • Design e cura del dettaglio
  • Idea
  • L'ignoto e l'attesa
  • Possibilità di utilizzare avatar

Cons

  • Migliorabile la velocità di caricamento
  • Possibilità di ricerca mediante nome utente
  • Disponibile solo in lingua inglese
  • Utenti non verificati?
  • Non è disponibile una versione desktop
Previous post

Italo Disco: i brani più famosi degli anni '80

Next post

Il nuovo Piccolo, Medio e Grande iPhone: iPhone XS, iPhone XR e XS Max

Greta Cavedon

Greta Cavedon

Ciao ✋🏻, io sono Gretaas e sono una nerd inside! 💻

Gli ingredienti della mia amata vita sono pochi ma buoni: informatica, musica 80s e Disco, correre e viaggiare. 👧🏻
Saltuariamente e sarcasticamente scrivo su Squerz, il mio sito un po' naïf! 💡