Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Ieri sera si è tenuta a Kiev, in Ucraina, la Finale della 62esima edizione dell’Eurovision Song Contest; una manifestazione musicale nata nel 1956, la quale vede gareggiare svariati gruppi ed artisti da ogni paese Europeo, un rappresentate per paese.
Quest’anno, a rappresentare l’Italia, c’è stato il vincitore del 67esimo Festival di San Remo Francesco Gabbani con la sua filosofica “Occidentali’s Karma”.
Purtroppo il carrarese non si è guadagnato il podio, accaparrandosi il 9° posto.
Ha vinto Salvador Sobral, cantante portoghese che ha portato il singolo, di genere Jazz/Fusion, “Amar Pelos Dois”, scritto e prodotto dalla sorella Luísa Sobral.

Amar Pelos Dois nel marzo di quest’anno ha vinto il Festival da Canção, il concorso canoro rappresentante il Portogallo.

Salvador Sobral e la sorella alla sua sinistra | Fonte: facebook.com/salvadorsobralmusic


Secondo me, molti artisti hanno riciclato le basi di altre canzoni come Hovig con “Gravity” con la somiglianza evidente a “Human” di Rag’n’Bone Man, oppure Robin Bengtsson con la sua simpatica “I Can’t Go On” che mi ricorda la voce e lo stile di Robbie Williams su sfondo Miami Nights 1984 misto il gruppo musicale Francese Montrmartre oppure, ancora, “Verona” (non in finale) di KOIT TOOME con Laura che mi ricorda le basi dei Daft Punk e la voce, della cantante, di Lady Gaga.
E molto altro ancora…

Il premio | Fonte: th.blogosfere.it

Il mio podio sarebbe stato diverso, ecco i miei 5 favoriti:

Al primo posto avrei scelto la Moldavia con “Hey Mamma” degli Sunstroke Project, il sassofonista che con la sua bravura ha fatto la differenza.

Il secondo posto l’avrei aggiudicato alla Romania con la simpaticissima “Yodel It!”, la cantante yodel (canto che prende origine dalle aree alpine nelle quali si parla principalmente tedesco) Ilinca ha fatto una gran bella performance a mio avviso.

Al terzo posto, non per essere di parte, avrei messo Gabbani per l’Italia con “Occidentali’s Karma”.

Quarto posto per i fantastici Bielorussi Naviband con “Story Of My Life”.

Quinto posto per le sorelle dei Paesi Bassi, OG3NE, con “Lights And Shadows”.


Al sesto posto avrei messo il vincitore ufficiale, il Portogallo con Salvador Sobral e “Amar Pelos Dois”.

E voi cosa ne pensate?

 

Previous post

Saal Digital: Una Stampa d'Eccellenza

Next post

iOS 11: Ecco Cosa Aspettarsi [RUMORS]

Greta Cavedon

Greta Cavedon

Ciao ✋🏻, io sono Gretaas e sono una nerd inside! 💻

Gli ingredienti della mia amata vita sono pochi ma buoni: informatica, musica 80s e Disco, correre e viaggiare. 👧🏻
Saltuariamente e sarcasticamente scrivo su Squerz, il mio sito un po' naïf! 💡