5 minuti

Mi piace molto ascoltare musica, come avrete notato, specie se è anni ’70 ed ’80.
Non sono avvezza nei Grandi Successi Italiani tanto quanto quelli stranieri: mi piace di più la musica estera di quella italiana, sia dell’epoca antecedente al ventesimo secolo che nel periodo postumo.

Malgrado ciò, sono pronta per farvi rivivere gli anni ’60, ’70 ed ’80 della musica italiana, ricordandovi alcuni brani famosi.

Gregory Peck e Audrey Hepburn in una scena di “Vacanze Romane”

Siamo negli anni ’60, dove i film proiettati sul grande schermo erano “Vacanze Romane” con Audrey Hepburn e Gregory Peck o “La Dolce Vita” di Fellini, gli anni dai capelli cotonati e le gonne a ruota.
Gli anni del boom economico, della “Dolce Vita” (per citare Ryan Paris o il film) e delle Olimpiadi a Roma, del primo uomo sulla luna, la neve a Palermo, dell’ “I Have A Dream” di Martin Luther King, della Nutella e dei bombardamenti in Vietnam, di Canzonissima e Carosello alla Rai, di Star Trek e della sua nascita.

1960

  • 1960
    • “Il cielo in una stanza” – Gino Paoli
  • 1961
    • “Senza fine” – Gino Paoli
  • 1962
    • “Andavo a 100 all’ora” – Gianni Morandi
    • “Mi sono innamorato di te” – Luigi Tenco
    • “St. Tropez Twist” – Peppino di Capri
  • 1963
    • “Città Vuota” – Mina
    • “Una Rotonda sul Mare” – Fred Bongusto
    • “Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte” – Gianni Morandi
    • “Sapore di Sale” – Gino Paoli
  • 1965
    • “L’ultima Occasione” – Mina
    • “Ritornerai” – Bruno Lauzi
    • “Pregherò” – Adriano Celentano
  • 1966
    • “Se Telefonando” – Mina
    • “Nessuno mi può giudicare” – Caterina Caselli
    • “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” – Gianni Morandi
    • “Il Ragazzo della Via Gluck” – Celentano
    • “Nessuno mi può giudicare” – Caterina Caselli
  • 1967
    • “Bocca di Rosa” – Faber
    • “29 Settembre” – Equipe 84
    • “Spaghetti a Detroit” – Fred Bongusto
    • “Ciao Amore, Ciao” – Luigi Tenco
  • 1968
    • “La Bambola” – Patty Pravo
    • “Ho visto un Re” – Enzo Jannacci
    • “Vengo anch’io. No, tu no” – Enzo Jannacci
  • 1969
    • “Ma che freddo fa” – Nada

Mike Bongiorno presentatore del Quiz televisivo “Rischiatutto”

Se gli anni ’60 sono stati florei, gli anni di piombo lo sono un po’ meno; verso il ’73 c’è stato un piccolo sintomo di crisi nel quotidiano, data di riflesso dalla crisi petrolifera di fine guerra del Kippur nei paesi arabi. Ma la crisi economica del ’73 è durata ben poco.
Ciò nonostante, ‘Woodstock 69’ si fa sentire nello stile e nella musica; motivi floreali e pantaloni a zampa di elefante evadono le città.
È l’era dei musical quali “Grease” con Olivia Newton John e John Travolta, “La Febbre del Sabato Sera” e “The Blues Brothers” interpretato da Belushi e Aykroyd, il tempo della televisione a colori e dei Quiz con Mike Bongiorno alla Rai, spicca il volo dallo spazio la frase “Houston Abbiamo un Problema” simbolo della sfiorata tragedia dell’Apollo 13, apre il primo Hard Rock a Londra, si diffonde la serie tv “Happy Days” e nasce “Guerre Stellari”, negli Stati Uniti vengono alla luce le grandi società come “Microsoft” ed “Apple”, esce il primo numero de “La Repubblica”.

1970

  • 1970
    • “L’Isola di Wight” – Dik Dik
    • “Il Pescatore” – Faber
    • “L’Appuntamento” – Ornella Vanoni
    • “Mi Ritorni in Mente” – Lucio Battisti
    • “Scende la pioggia” – Gianni Morandi
  • 1971
    • “Eppur mi son scordato di Te” – Lucio Battisti
    • “Amor Mio” – Mina
    • “Impressioni di Settembre” – Premiata Forneria Marconi (PFM)
  • 1972
    • “Il Mio Canto Libero” – Lucio Battisti
    • “I Giardini di Marzo” – Lucio Battisti
    • “La Canzone del Sole” – Lucio Battisti
    • “Gioco di Bimba” – Le Orme
    • “Piccolo Uomo” – Mia Martini
    • “Parole Parole” – Mina
    • “Io vorrei… Non vorrei… ma se vuoi” – Lucio Battisti
    • “Questo Piccolo Grande Amore” – Claudio Baglioni
    • “Piazza Grande” – Lucio Dalla
    • “Grande Grande Grande” – Mina
  • 1973
    • “Minuetto” – Mina
    • “Canzone Intelligente” – Cochi e Renato
    • “Come porti i capelli bella bionda” – Cochi e Renato
    • “Pazza Idea” – Patty Pravo
  • 1974
    • “Rumore” – Raffaella Carrà
    • “E la vita, la vita” – Cochi e Renato
    • “Bugiardi Noi” – Umberto Rosario Balsamo
    • “Sereno È” – Drupi
    • “Bella Senz’Anima” – Riccardo Cocciante
  • 1975
    • “Ma il cielo è sempre più blu” – Rino Gaetano
  • 1976
    • “Margherita” – Riccardo Cocciante
    • “Eppure Soffia” – Pierangelo Bertoli
    • “Berta Filava” – Rino Gaetano
    • “Svalutation” – Adriano Celentano
  • 1977
    • “Samarcanda” – Roberto Vecchioni
    • “Figli delle Stelle” – Alan Sorrenti
    • “Napul’è” – Pino Daniele
    • “Libe-libe-là” – Cochi e Renato
    • “Sì, viaggiare” – Lucio Battisti
    • “Il Gatto e la Volpe” – Edoardo Bennato
  • 1978
    • “Pensiero Stupendo” – Patty Pravo
    • “Un’emozione da poco” – Anna Oxa
    • “Triangolo” – Renato Zero
    • “Generale” – Francesco de Gregori
    • “Sotto il Segno dei Pesci” – Antonello Venditti
    • “Extraterrestre” – Eugenio Finardi
    • “Gianna” – Rino Gaetano
    • “Andrea” – Faber
    • Liù – Alunni del Sole
  • 1979
    • “Azzurro” – Adriano Celentano
    • “Gloria” – Umberto Tozzi
    • “…E la luna bussò” – Loredana Bertè
    • “Disco Bambina” – Heather Parisi

Il cast di Sapore di Mare, commedia diretta dai Fratelli Vanzina

I Fratelli Vanzina con i loro primi cinepanettoni, “Vacanze di Natale” e “Vacanze in America”, contraddistinguono gli anni ’80 dai precedenti; probabilmente segnano la soglia di inizio del ‘trash’ italiano in tv.
L’annata più felice e colorata di sempre, nonostante l’omicidio di John Lennon all’età di 40 anni: il Principe Carlo d’Inghilterra sposa Diana Spencer mentre in Italia si parla per la prima volta di P2 (la loggia massonica ‘Propaganda due’, aderente al Grande Oriente d’Italia), il Commodore 64 comincia a farsi vedere negli States ed Apple annuncia il primo Mac, viene prodotto il primo CD che metterà all’angolo cassette, vinili e floppy disk mentre Michael Jackson (ormai separato dai suoi Jackson 5) produce ‘Thriller’ e fa record di vendite. Spopolano “Blade Runner”, “Top Gun” e la serie “Baywatch”, in Giappone esce “Super Mario Bross”, Madonna diventa l’icona pop di tutte le teenager (e non) mentre Giorgio Moroder l’eroe del del genere disco avvenire, “We Are The World” di Michael Jackson e Lionel Richie (prodotta da Quincy Jones) diventa canzone simbolo Americano (per aiutare la popolazione dell’Etiopia), nascono stelle come Mick Jagger (Rolling Stones), Tina Turner ed il frontman dei Genesis: Phil Collins.
A mio avviso, il decennio migliore per la musica (assieme agli anni ’70); ma cosa ve lo dico a fare?

1980

  • 1980
    • “Con il Nastro Rosa” – Lucio Battisti
    • “In Alto Mare” – Loredana Bertè
    • “Kobra” – “Donatella Rettore”
    • “Sono Solo Canzonette” – Edoardo Bennato
    • “L’Isola che non c’è” – Edoardo Bennato
    • “Futura” – Lucio Dalla
    • “L’Uselin De la Comare” – Cochi e Renato
    • “Quanno Chiove” – Pino Daniele
    • “Una città per cantare” – Ron
    • “Ma quale idea” – Pino d’Angiò
  • 1981
    • “Un’Estate al Mare” – Giuni Russo
    • “Strada Facendo” – Claudio Baglioni
    • “Centro di Gravità Permanente” – Franco Battiato
    • “Maracaibo” – Lu Colombo
    • “Via con Me” – Paolo Conte
    • “Chi Fermerà la Musica” – Pooh
    • “Maledetta Primavera” – Loretta Goggi
    • “Sarà perché Ti Amo” – Ricchi e Poveri
    • “Okay Okay” – Pino d’Angiò
    • “Fiume Sand Creek” – Faber
    • “Hold Tight” – Change
    • “Cicale” – Heather Parisi
  • 1982
    • “Ballo Ballo” – Raffaella Carrà
    • “Non Succederà Più” – Adriano Celentano e Claudia Mori
    • “Non sono una signora” – Loredana Bertè
    • “Avrai” – Claudio Baglioni
    • “Bite the Apple” – Rainbow Team
  • 1983
    • “Amore Disperato” – Nada
    • “Non voglio mica la luna” – Fiordaliso
    • “Dolce Vita” – Ryan Paris
    • “Vacanze Romane” – Matia Bazar
    • “Nell’Aria” – Marcella Bella
    • “Vamos A la Playa” – Righeira
    • “No tengo dinero” – Righeira
    • “La Donna Cannone” – Francesco De Gregori
  • 1984
    • “Giulia” – Gianni Togni
    • “Creuza de Ma” – Faber
    • “Susanna” – Adriano Celentano
    • “Fotoromanza” – Gianna Nannini
    • “Fiore Di Maggio” – Fabio Concato
  • 1985
    • “L’estate sta finendo” – Righeira
    • “Occhi di Gatto” – Cristina d’Avena
    • “Donne” – Zucchero Fornaciari
  • 1986
    • “Alghero” – Giuni Russo
    • “Caruso” – Lucio Dalla
    • “L’Anno che verrà” – Lucio Dalla
  • 1987
    • “Io Vagabondo (che non sono io)” – Nomadi
    • “Easy Lady” – Ivana Spagna
    • “Quello che le Donne non dicono” – Fiorella Mannoia
  • 1988
    • “Perdere l’Amore” – Massimo Ranieri
  • 1989
    • “Ti Lascerò” – Fausto Leali
    • “Almeno Tu nell’Universo” – Mia Martini
    • “La Notte Vola” – Lorella Cuccarini

Grazie a Spotify ed Elle per gli aiuti storici: 6070 | 80.

Previous post

Shopping: Tutti pazzi per gli Outlet Privati Online!

Next post

Fotografie Professionali e Dove Trovarle

Greta Cavedon

Greta Cavedon

Hola!
Sono Greta, autrice di Squerz! Tutto quel che vedrete qui dentro beh.. È frutto di taaanta passione, voglia di fare ed un pizzico di follia!